Ciro arruola mercenari greci - Versione Senofonte gymnasion

Ciro arruola mercenari greci
versione greco Senofonte traduzione libro gymnasion

Αριστιππος δε ο Θετταλος ξενος ων ετυγχανεν αυτω, και πιεζομενος υπο των οικοι αντιστασιωταιν ερχεται προς τον Κυρον και αιτει αυτον εις δισχιλιους ξενους τριων μηνων μισθον, ως ουτως περιγενομενος αν των αντιτασιωτων.

Ο δε Κυρος διδωσιν αυτω εις τετρακισχιλιους και εξ μηνων μισθον, και δειται αυτου μη προσθεν καταλυσαι προς τους αντιστασιωτας πριν αν αυτω συμβουλευσηται. Ουτω δε αυ το εν Θετταλια ελανθανεν αυτω τρεφομενον στρατευμα. Προξενον δε τον Βοιωτιον ξενον οντα εκελευσε λαβοντα ανδρας οτι πλειστους παραγενεσθαι, ως εις Πισιδας βουλομενος στρατευεσθαι, ως πραγματα παρεχοντων των Πισιδων τη εαυτου χωρα. Σοφαινετον δε τον Στυμφαλιον και Σωκρατην τον Αχαιον, ξενους οντας και τουτους, εκελευσεν ανδρας λαβοντας ελθειν οτι πλειστους, ως πολεμησων Τισσαφερνει συν τοις φυγασι τοις Μιλησιων. Και εποιουν ουτως ουτοι.

Traduzione n. 1

Aristippo di Tessaglia si trovava come ospite presso questo ( Ciro), essendo messo a dura prova in patria dagli avversari, si era recato presso Ciro e gli chiese un salario per duemila mercenari per tre mesi, affinché avesse potuto così avere il sopravvento sugli avversari.

Ciro diede a questo un salario (per mantenere) quattromila (mercenari) per sei mesi, e lo prega già di non accordarsi con gli avversari senza prima essersi consultato con questo.

Così era nascostamente mantenuto un esercito per questo in Tessaglia. A Prosseno il Beota, essendo ospite (Ciro) ordinò che presi quanti più uomini possibili, andassero, poiché intendeva fare una spedizione contro i Pisidi, poiché i Pisidi minacciavano la regione di questo. A Sofoneto di Stinfalo e a Socrate l’Acheo, essendo ospiti anche questi, chiese di andare, presi il maggior numero di uomini, poiché muoveva guerra contro Tissaferne, insieme con gli esuli di Mileto. E così essi fecero.

traduzione n. 2

Aristippo il Tessalo era per caso suo ospite e, molestato in patria dal partito avversario, giunse da Ciro e gli chiese una paga di tre mesi per duemila mercenari in quanto così pensava di avere la meglio sugli avversari. Allora, Ciro gli diede sei mesi di paga per quattromila mercenari e gli chiese di non fare la pace con i suoi avversari senza essersi prima consigliato con lui. Così un altro esercito, questo di Tessaglia, veniva segretamente mantenuto per lui. Invitò inoltre Prosseno il beota come ospite portando quanto più uomini potesse col pretesto di condurre una spedizione contro i Pisidi, in quanto davano noia alla sua provincia. Invitò a venire da lui anche Sefeneto di Stimfalo e Socrate d'Acheo, suoi ospiti anche questi, portando quanti più uomini col pretesto di far guerra a Tissaferne con l'aiuto degli esuli di Mileto. E questi ordini vennero eseguiti.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:03:08 - flow version _RPTC_G1.1