Le più antiche divinità

Οὐρανὸς πρῶτος τοῦ παντὸς ἐδυνάστευσε κόσμου.

γήμας δὲ Γῆν ἐτέκνωσε πρώτους τοὺς ἑκατόγχειρας προσαγορευθέντας, Βριάρεων Γύην Κόττον, οἳ μεγέθει τε ἀνυπέρβλητοι καὶ δυνάμει καθειστήκεσαν, χεῖρας μὲν ἀνὰ ἑκατὸν κεφαλὰς δὲ ἀνὰ πεντήκοντα ἔχοντες. μετὰ τούτους δὲ αὐτῷ τεκνοῖ Γῆ Κύκλωπας, Ἄργην Στερόπην Βρόντην, ὧν ἕκαστος εἶχεν ἕνα ὀφθαλμὸν ἐπὶ τοῦ μετώπου.

ἀλλὰ τούτους μὲν Οὐρανὸς δήσας εἰς Τάρταρον ἔρριψε (τόπος δὲ οὗτος ἐρεβώδης ἐστὶν ἐν Ἅιδου, τοσοῦτον ἀπὸ γῆς ἔχων διάστημα ὅσον ἀπ᾽ οὐρανοῦ γῆ) τεκνοῖ δὲ αὖθις ἐκ Γῆς παῖδας μὲν τοὺς Τιτᾶνας προσαγορευθέντας, Ὠκεανὸν Κοῖον Ὑπερίονα Κρεῖον Ἰαπετὸν καὶ νεώτατον ἁπάντων Κρόνον, θυγατέρας δὲ τὰς κληθείσας Τιτανίδας, Τηθὺν Ῥέαν Θέμιν Μνημοσύνην Φοίβην Διώνην Θείαν.

Urano per primo dominò tutto il cosmo. Egli sposò Gea, (la terra), e i loro primi figli furono gli Ecatonchiri - Briareo, Gie e Cotto.

Nessuno era più grande o più forte di loro, e ognuno di essi aveva cento braccia e cinquanta teste. Dopo di loro, Gea gli diede come figli i Ciclopi, Arge, Sterope e Bronte, che avevano ciascuno un solo occhio in mezzo alla fronte.

Ma Urano dopo averli incatenati li gettò nel Tartaro (questo è un luogo tenebroso in fondo all'Ade, tanto lontana dalla superficie della terra, quanto la terra lo è dal cielo).

I figli maschi (avuti) di nuovo da Gea furono chiamati Titani Oceano, Ceo, Iperione, Crio, Giapeto e Crono, il più giovane di tutti, invece le figlie (femmine) furono anch'esse chiamate Titanidi: Teti, Rea, Temi, Mnemosine, Febe, Dione e Teia.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 07:11:38