zeus conquista il regno - Versione Apollodoro

ZEUS CONQUISTA IL REGNO versione greco APOLLODORO

quando Zeus era ormai diventato adulto chiese a Meti - la figlia di Oceano - di aiutarlo nella sua impresa: e Meti diede da bere a Crono un potente farmaco, che lo costrinse a vomitare prima la pietra, e poi di seguito tutti i figli che aveva inghiottito.

Insieme a loro Zeus fece guerra a Crono e ai Titani. Combattevano ormai da dieci anni, quando Gea profetizzò a Zeus che presto avrebbe vinto, se si fosse alleato con quelli che erano stati imprigionati nel Tartaro.

Allora Zeus uccise Campe - la loro carceriera - e riuscì a liberarli dalle catene. Fu in quell'occasione che i Ciclopi diedero a Zeus il tuono, il fulmine e le saette; ad Ade invece diedero l'elmo che rende invisibili, e a Poseidone il tridente.

Così equipaggiati, essi vinsero facilmente i Titani: e poi li imprigionarono nel Tartaro, sotto la custodia degli Ecatonchiri. Zeus, Ade e Poseidone si divisero il potere: a Zeus toccò il regno del cielo, a Poseidone il regno del mare, e ad Ade il regno dell'oltretomba.

Traduzione numero 2

Quando Zeus era adulto prende Metis, figlia di Oceano, come complice, la quale offre un veleno da bere a Crono, e quello è costretto innanzitutto a cacciare dallo stomaco la pietra, poi tutti i figli. Zeus, insieme ad essi, mosse guerra a Crono e ai Titani. Dopo che essi combatterono per dieci anni, la Terra concede a Zeus la vittoria, poi afferma anche che bisogna avere i Ciclopi come alleati. Allora egli uccide Campe che sorvegliava le loro catene e libera i Ciclopi dal Tartaro. E allora i Ciclopi danno a Zeus il tuono, il lampo e il fulmine, invece a Plutone l'elmo, a Poseidone il tridente: essi, poi, così armati, superano i Titani, li imprigionano nel Tartaro e pongono i Centimani come custodi. Essi poi si dividono i poteri, e Zeus ottiene il regno del cielo, Poseidone quello del mare, Plutone, invece, quello dell'Ade.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 07:11:19