Analisi di un momento di difficoltà dei romani in uno scontro con i Britanni

Britanni praemiserunt equitatum et essedarios et, reliquis copiis subsecuti, ........  non eadem alacritate ac studio quo in pedestribus uti proeliis consuerant, utebantur

I Britanni inviarono in  avanti la cavalleria e gli essedari (=gladiatori che combattevano sui carri) e, seguiti dalle altre truppe, impedivano ai nostri di sbarcare.

I Romani per queste ragioni avevano grandissima difficoltà, poiché le navi,  per la grandezza, non potevano fermarsi se non in alto mare, inoltre i soldati, non a conoscenza dei luoghi, ferme le mani, oppressi dal grande e pesante peso delle armi, dovevano nello stesso tempo balzare giù dalle navi, stare fermi tra i flutti e combattere contro i nemici, mentre quelli, o dalla riva o avanzati un poco in acqua, con tutte le membra libere, esperti dei luoghi (lett.

conosciuti i luoghi), audacemente  scagliavano i dardi e incitavano i cavalli abituati. I nostri, atterriti da queste cose e del tutto inesperti di questo genere di battaglia, non impiegavano la medesima prontezza e passione che erano soliti impiegare nelle battaglie di fanteria.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 09:24:49 - flow version _RPTC_G1.1