Azioni militari di Cesare in Africa (Versione di latino Cesare)

Azioni militari di Cesare in Africa
Autore: Cesare

Nel primo giorno del mese di Gennaio Cesare si spostò dalla località di Ruspina e dopo alcuni giorni giunse alla fortezza di Leptis, città indipendente ed esente da tassazioni.

Dei tali andarono incontro a Cesare dalla fortezza, lo pregarono che i cittadini non subissero alcun danno e promisero volentieri che avrebbero fatto ogni cosa ordinata da lui. Pertanto Cesare, stabiliti i centurioni e la scorta alle porte della città, affinché nemmeno un soldato entrasse nella fortezza o recasse disturbo ad un qualunque abitante, pose l’accampamento sulla costa non lontano dalla città.

Delle navi da carico e delle navi da guerra giunsero contemporaneamente per qualsiasi avvenimento. Cesare riunì tutti i cavalieri nelle navi affinché i campi non venissero devastati; ordinò che dell’acqua fosse portata nelle navi. Ma i cavalieri africani assalirono improvvisamente i rematori, che erano sbarcati per rifornirsi d’acqua, ne ferirono molti con le frecce, ne uccisero qualcuno.

Cesare intanto mandò dei messaggeri in Sardegna e nelle restanti province vicine tramite delle lettere, affinché senza alcun indugio gli venissero inviati degli aiuti, dei viveri e del frumento. Ordinò al pretore C. Sallustio Crispo di andare all’isola di Cercina, che ritenevano degli avversari, con una parte delle navi, poiché era venuto a sapere che lì c’era una grande quantità di frumento.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-02 20:59:42 - flow version _RPTC_G1.1