Cesare combatte contro un indomabile tribù Belga (versione di latino Cesare)

Cesare combatte contro un indomabile tribù Belga
Versione latino di Cesare discipulos" tomo II

I nervii erant homines feri et magnae virtutis fortissimi omnium Belgarum.

TRADUZIONE

Inervi eran uomini violenti e di grande virtù i più forti di tutti i Belgi.

Non tolleravano il vino e (tutte )le restanti cose con le quali ritenevano si arrecasse loro (danno) e si rammollissero gli animi. Increpitavano e rimproveravano e accusavano i rimanenti belgi perché si erano dati al popolo romano. Si combattè presso il fiume sabi In tre luoghi velocemente i nervi aggredirono i romani che avevano rafforzato gli accampamenti.

in quel combattimento Cesare doveva fare tutto nello stesso istante: (c'era da) alzare il vessillo, dare il segno con la tromba richiamare dalla fortificazione i soldati, che erano avanzati più lontano e schierarli e radunare i sassi la mancanza di tempo ed il successo dei nemici impedivano di eseguire la maggior parte delle operazioni.

ma poi, fu utile la perizia e l'esperienza dei i soldati, che, addestrati dalle precedenti battaglie, capivano bene cosa si doveva fare. Si combatteva a lungo e aspramente. Già i nemici stavano per respingere i romani quando arrivò la decima legione mandata dal legato labieno, che con il suo arrivo cambiò l'esito del combattimente e i nemici addirittura furono uccisi

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:18:19 - flow version _RPTC_G1.1