Cesare dopo la resa di Corfinio

Quibus rebus cognitis, Caesar  magni interesse arbitrabatur quam primum oppido potiri cohortesque ad se in castra traducere, timens ne qua  voluntatis commutatio aut largitionibus aut animi confirmatione aut falsis nuntiis fieret, quod satis compertum habebat saepe in bello parvis momentis magnos casus intercedere.

Conosciute queste cose, Cesare valutava che importasse molto poter quanto prima impadronirsi  della città e trasferire le coorti presso di sé nell'accampamento, temendo che accadesse un qualche cambiamento della volontà a causa di elargizioni o a causa della conferma del proposito o a causa di false notizie, perchè sapeva abbastanza per certo che in guerra spesso da accadimenti di poco conto avvengono eventi grandi.

Tuttavia temeva che, con l'entrata dei soldati e con il favore della notte, la città fosse depredata. E così lodò coloro che era arrivati e li mando in città e ordinò che le porte e le mura fossero sorvegliate. Egli stesso dispone in quelle fortificazioni, che aveva deciso di costruire, i soldati, non ad intervalli prestabiliti, com'era abitudine nei giorni precedenti, ma in posti di sentinella e corpi di guardia permanenti, affinché fossero in contatto tra loro e coprissero tutta la fortificazione;

mandò intorno i tribuni dei soldati e i prefetti e li esortò non solo a guardarsi dalle sortite, ma a sorvegliare anche le uscite segrete dei singoli uomini.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 20:44:45 - flow version _RPTC_G1.1