Cesare e gli Edui

Cesare e gli Edui Versione di latino di Cesare LIBRO Novo Genius

Testo latino Ibi a Viridomaro atque Eporedorige Haeduis appellatus discit cum omni equitatu Litaviccum ad sollicitandos Haeduos profectum;

Traduzione Chiamato dagli edui Viridomaro e da Eporedorige impara che Litavicco con tutta la cavalleria era partito per istigare gli edui;

era necessario che essi stessi andassero per primi per rafforzare la nazione. Anche se per molte cose Cesare aveva accettato la slealtà degli edui e riteneva che con la loro partenza si affrettava la ribellione della nazione, tuttavia penso di mondo eroi trattenere affinché non sembrasse di arrecare un oltraggio o ridare qualche sospetto di paura.

Quando essi partivano brevemente espose i suoi meriti verso gli edui, quali e quanto deboli li aveva accolti, chiusi nelle città, penalizzati per i campi, sottratte tutte le truppe, imposto un tributo, sottrarre gli ostaggi con grandissimo disonore ed verso quale sorte e quale ricchezza li aveva portati, che non solo erano ritornati allo stato di origine, ma sembravano aver superato il prestigio ed il favore di tutte le epoche.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:19:46 - flow version _RPTC_G1.1