Cesare e gli Elvezi (Versione di latino Cesare)

Cesare e gli Elvezi
versione latino di Cesare
2 versioni diverse con lo stesso titolo una da lectior brevio

Caesari renuntiatur Helvetiis esse in animo per agrum Sequanorum et Haeduorum iter in Santonum fines facere, qui non longe a Tolosatium finibus absunt, quae civitas est in provincia....

A Cesare viene riferito il disegno degli Elvezi di attraversare i territori dei Sequani e degli Edui per spingersi nella regione dei Santoni, non lontani dai Tolosati, un popolo stanziato nella nostra provincia.

Si rendeva conto che, se ciò fosse accaduto, la presenza di uomini bellicosi e ostili, al confine di quelle zone pianeggianti ed estremamente fertili, avrebbe rappresentato un grave pericolo per la provincia. Di conseguenza, posto il legato T. Labieno a capo delle fortificazioni costruite, si dirige a marce forzate in Italia, dove arruola due legioni e ne mobilita altre tre, che svernavano nei pressi di Aquileia.

Con le cinque legioni si dirige nella Gallia transalpina per la via più breve, attraverso le Alpi. Qui i Ceutroni, i Graioceli e i Caturigi, appostatisi sulle alture, tentano di sbarrare la strada al nostro esercito. Respinti questi popoli in una serie di scontri, da Ocelo, la più lontana città della Gallia cisalpina, Cesare dopo sei giorni di marcia giunge nel territorio dei Voconzi, nella Gallia transalpina.

Da qui conduce l'esercito nelle terre degli Allobrogi e, poi, dei Segusiavi, il primo popolo fuori della provincia, al di là del Rodano.

stesso titolo ma Dal libro "Lectio Brevior" (diversa)

Cesare, essendo informato che gli Elvezi si proponevano di attraversare la nostra provincia, affretta la sua partenza da Roma, si dirige a marce forzate con la massima rapidità verso la Gallia transalpina e giunge a Ginevra.

Ordina che tutta la provincia fornisca il maggior numero possibile di soldati; dà disposizione di distruggere in ponte che sorgeva a Ginevra.

Gli Elvezi, conosciuto il suo arrivo, mandarono i legati da lui; erano intenzionati ad attraversare la provincia senza arrecare danni e gliene chiedevano licenza. Cesare, ricordandosi che gli Elvezi avevano ucciso il console Lucio Cassio e (ricordandosi che gli Elvezi) avevano costretto l’esercito, dopo averlo sconfitto, a subire l’onta del giogo, non riteneva giusto concedere il permesso;

inoltre era convinto che questa gente dall’animo ostile non si sarebbe astenuta da offese e danni, una volta concessa la facoltà di attraversare la provincia.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:28:26 - flow version _RPTC_G1.2