Cesare raccoglie rinforzi per portare aiuto a Cicerone (Versione di latino Cesare)

Cesare raccoglie rinforzi per portare aiuto a Cicerone Versione latino Cesare

Caesar, acceptis litteris, hora ciciter undecima diei statim nuntium in Bellovacos ad M. Crassum quaestorem mittit, cuius hiberna aberant ad eo milia passuum XXV;

Ricevuta la lettera, alle cinque circa del pomeriggio Cesare subito inviò un messaggero dai Bellovaci dal questore Marco Crasso, i cui quartieri invernali distavano da lui venticinque miglia;

ordinò che la legione partisse a mezzanotte e che lo raggiungesse velocemente. Crasso partì dall’accampamento con il messaggero. Mandò un altro messaggero dal luogotenente Gaio Fabio perché conducesse la legione nei territori degli Atrebati, per i quali sapeva di dover fare il viaggio. Scrisse a Labieno di giungere nei territori dei Nervii con la legione.

Non ritenne di dover aspettare la rimanente parte dell’esercito, poiché si trovava poco più lontano; raccolse circa quattrocento cavalieri dai quartieri d’inverno più vicini. Informato circa alle nove del mattino dagli esploratori dell’arrivo di Crasso, quel giorno avanzò di venti miglia.

Fabio, come gli era stato ordinato, non attardatosi molto, lo incontrò con la legione durante il viaggio. Labieno rimandò una lettera a Cesare nella quale dichiarava che avrebbe condotto fuori dai quartieri d’inverno la legione non senza grande pericolo. Cesare giunse nei territori dei Nervii a marce forzate. Lì venne a sapere per mezzo dei prigionieri che cosa stesse succedendo da Cicerone e quanto la situazione fosse pericolosa

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:19:28 - flow version _RPTC_G1.1