Cesare sconfigge gli elvezi

Inter Romanos ac Helvetios anceps et acre proelium fuit. ... Deinde sine mora cum omnibus copiis eos sequi coepit.
Cesare ad litteram

Fra i Romani e gli Elvezi vi fu un combattimento incerto e acre.

Dal momento che gli Elvezi non poterono lungamente sopportare l'attacco dei nostri, alcuni si diressero sulla montagna, altri si diressero alle salmerie e ai carri. Allora il combattimento fu sostenuto presso le salmerie poiché gli Elvezi avevano posto i carri davanti a loro e scagliavano i dardi da un alto luogo contro i nostri che sopraggiungevano e alcuni ferivano i nostri gettando tra i carri le lance.

Dopo la violenta battaglia le salmerie e l'accampamento furono presi dai nostri: fu catturata anche la figlia e uno dei figli di Orgetorige, capo degli Elvezi.

Gli Elvezi, (che non erano stati) né feriti né catturati, fuggirono e, correndo per tutta la notte, arrivarono illesi nei territori dei Lingoni, poiché Cesare, sia per le ferite dei soldati, sia per la sepoltura degli uccisi, non aveva potuto inviare cavalleria contro di loro. Poi senza indugio iniziò ad inseguirli con tutte le truppe.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:19:46 - flow version _RPTC_G1.1