Cesare stermina la retroguardia degli Elvezi

Flumen est Arar, quod per fine s Haeduorum et Sequanorum in Rhodanum influit incredibili lenitale, ita ut oculis in utram partem fluat iudicari non possit. Id Helvetii ratibus ac lintribus iunctis [....] ea pars civitatis Helvetiae quae intulerat illam insignem calamitatem populo Romano, princeps poenas solvit.

Testo latino completo

C'è il fiume Arar, che attraverso i confini degli Edui e dei Sequani con incredibile calma sfocia nel Rodano così che non si può valutare con lo sguardo in quale delle due parti scorra.

Gli elvezi lo attraversavano con le zattere e con i ponti di barche. Appena Cesare venne a sapere tramite gl'investigatori che i tre quarti della milizia degli Elvezi aveva già attraversato quel fiume, che in verità la quarta parte era stata lasciata al di là del fiume Arar, partito dall'accampamento un pò dopo la mezzanotte con le tre legioni, giunse in direzione di quella parte che non aveva ancora attraversato il fiume.

Avendoli sorpresi impacciati e sprovveduti, la maggior parte di costoro cadde; i rimanenti si affidarono alla fuga, per cercare la salvezza nei boschi vicini. Questo villaggio era chiamato Tigurino;

infatti ogni città degli Elvezi si suddivide in quattro parti o per meglio dire in villaggi. I Tigurini, avendo lasciato il loro territorio al tempo dei nostri padri, avevano ucciso il Console L. Cassio ed avevano mandato sotto il giogo il suo esercito. Così o per caso o per decisione degli dèi immortali, questa zona della città Elvetica che aveva infetto quella insigne calamità al popolo Romano, scontò per prima le pene. (by Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-02 20:59:59 - flow version _RPTC_G1.1