De Bello Alexandrino 1.3

Urbs fertilissima et copiosissima omnium rerum apparatus suggerebat.

TRADUZIONE LETTERALE

La città molto fertile e molto ricca di ogni cosa dava (loro) gli equipaggiamenti.

Gli stessi uomini intelligenti e molto acuti tutte le cose che (quae) avevano visto fare da noi (le) facevano con una tale [quella] destrezza da sembrare che i nostri avessero imitato la loro opera ed inventavano molte cose [anche] di loro iniziativa e nello stesso tempo danneggiavano le nostre fortificazioni e difendevano le loro. E questi capi (sott. della città) discutevano nelle assemblee con discorsi pubblici (sott.

"dicendo questo"): che il popolo Romano a poco a poco era giunto alla consuetudine di impossessarsi del loro regno. [Sott. "dicevano che"] Pochi anni prima A. Gabino era stato in Egitto con l'esercito; [dicevano che] Pompeo si era messo al sicuro dalla fuga nello stesso luogo;

che Cesare era arrivato con le truppe e che la morte di Pompeo non aveva per niente giovato impedendo che Cesare si trattenesse presso di loro. [Dicevano] che se loro non l'avessero respinto, (l'Egitto) sarebbe diventata una provincia fra quelle (del loro) regno, e [dicevano] che dovevano agire immediatamente: infatti [dicevano che] egli era bloccato dalle tempeste, a causa della stagione dell'anno e non poteva ricevere aiuti da terre d'oltremare.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-02 20:59:59 - flow version _RPTC_G1.1