De singulari virtute crastini veterani (Versione di latino Cesare)

De singulari virtute crastini veterani versione latino Cesare
lingua latina 2 es 2 pagina 35

Caesar, breviter hortatus exercitum, expondiscentibus militibus e t studio pugnae, tuba signum dat.

Traduzione

Cesare, dopo aver brevemente esortato l'esercito, fa dare il segnale con la tromba per insistente richiesta dei soldati e per l'ardente desiderio di combattere.

C'era nell'esercito di Cesare Crastino, uomo dal singolare valore, un veterano richiamato, il quale l'anno precedente aveva guidato presso di lui il primo manipolo nella decima legione.

Questo, dopo aver dato il segnale: "Seguitemi", disse, "voi che siete stati soldati del mio manipolo, date al vostro comandante l’apporto che avete stabilito": rimane solo questa battaglia, ultimata la quale, lui riavrà la sua dignità, noi la nostra libertà”. Contemporaneamente, guardando Cesare: "Farò in modo, disse, "oggi, mio generale, che mi ringrazierai, o vivo o morto". Dopo aver detto ciò, si lanciò per primo dall'ala destra, e, lo seguirono circa centoventi soldati scelti, volontari della stessa centuria.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 09:22:41 - flow version _RPTC_G1.1