Fuga e Morte di Pompeo I - Callidae voces versione latino Cesare

Fuga e Morte di Pompeo I
versione latino cesare traduzione libro Callidae voces

Pompeius, aeris magno pondere ad militarem usum in naves imposito duobusque milìbus hominum armatis Pelusium pervenit.

Dopo avere caricato sulle navi una grande quantità di monete di bronzo per farne uso nella guerra, e armati duemila uomini, Pompeo giunse a Pelusio.

Lì casualmente si trovava Tolomeo, appena fanciullo, che con numerose truppe combatteva contro Cleopatra la sorella, che, pochi mesi prima, per intervento dei suoi consiglieri e amici, aveva scacciato dal regno; e l'accampamento di Cleopatra non era distante molto dal suo.

Pompeo inviò a lui (ambasciatori) perché, in nome dell'ospitalità e dell'amicizia che aveva con il padre, lo accogliesse ad Alessandria e lo proteggesse con le sue truppe nel momento disgraziato. Ma quelli che erano inviati da lui, dopo che ebbero svolto il loro compito, iniziarono a parlare familiarmente con i soldati del re e ad esortarli a concedere il loro aiuto a Pompeo e a non abbandonarlo alla sua sorte.

In quello (quell'esercito) c'erano numerosi soldati di Pompeo i quali, dopo che erano stati accolti da Gabinio in Siria e condotti ad Alessandria, finita la guerra, erano stati lasciati presso Tolomeo, padre del fanciullo.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 09:23:38 - flow version _RPTC_G1.1