Le doti di un buon generale (Versione di latino Cesare)

Le doti di un buon generale
versione latino di Cesare

Inizio: Caesarem tradunt comem et humanum ...Fine: defecit vigil diligentia militum

Narrano che Cesare fosse gentile ed umano ma anche severo verso i suoi soldati.

Non si vergognava di chiamare i suoi non soldati ma compagni d'armi; spesso avanzava con loro nel viaggio a piedi e in prima fila combatteva come soldato tra le armi dei nemici. Questo fatto giovò non poco per conciliare gli animi dei suoi soldati verso di lui.

tuttavia si mostrava anche severo e infieriva molto pesantemente su coloro che fossero pigri nella battaglia o non ubbidissero subito agli ordini.

Era solito nascondere le sue decisioni ai soldati e talvolta dare a notte fonda l'ordine di battaglia (ai soldati) o trasferire l'accampamento affinché i suoi fossero preparati a d ogni cosa. Ciò non doveva essere spiacevole: mai infatti mancava la vigile diligenza dei soldati

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:20:03 - flow version _RPTC_G1.1