Strategia di Cesare per il controllo della Gallia

Cesare lingua viva
Inizio: Itaque Caesar T. Labienum legatum in Treveros, fine: praeficit et in Venetos ipse pedestribus copiis contendit.

E quindi Cesare manda il luogotenente Tito Labieno con la cavalleria nel territorio dei Treveri, i quali dimorano vicino al fiume Reno.

Gli ordina di raggiungere i Remi e gli altri Belgi e di tenerli a dovere, e (gli ordina) di ostacolare i Germani, che avevano tentato a forza di attraversare il fiume con delle navi. Invia P. Crasso con dodici coorti legionarie e un gran numero di cavalieri in Aquitania, affinché da queste popolazioni non mandassero aiuti in Gallia e (affinché) popolazioni così potenti non si congiungessero per l'odio contro i Romani.

Manda il luogotenente Q. Titurio Sabino con tre legioni nei territori dei Venelli e dei Lessobii, per tener impegnate le loro schiere.

Mette il giovane Decimo Bruto a capo della flotta e delle navi Galliche, che aveva richiamato dai territori dei Pictoni e dei Santoni e dai restanti territori, ed egli stesso si dirige con le truppe di fanteria verso il territorio dei Veneti.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 09:24:13 - flow version _RPTC_G1.1