Un eroico centurione

Cum acerrime comminus pugnaretur, hostes loco et numero,  ..... Ita pugnans post paulo concidit ac suis saluti fuit.

Mentre si combatteva corpo a corpo molto violentemente, confidando i nemici sul luogo e sul numero, i nostri sul coraggio, il centurione Lucio Fabio e quelli che erano saliti nel medesimo luogo insieme a lui] sulle mura, (dopo essere stati) circondati e uccisi venivano gettati giù (precipitarono) dalle mura.

Marco Petreio, centurione della medesima legione, avendo tentato di abbattere le porte, schiacciato dalla moltitudine e disperando di sé ricevute già molte ferite disse: “Dal momento che non posso salvarmi insieme a voi, salverò certamente almeno la vostra vita, voi che ho condotto nel pericolo spinto dal desiderio di gloria voi poiché ve n'è offerta la possibilità provvedete a voi stessi (alla vostra salvezza)Nello stesso tempo si precipitò nel mezzo dei nemici e dopo averne uccisi due respinse un po’ i rimanenti dalla porta.

Ai suoi compagni che tentavano di aiutarlo disse:”Inutilmente tentate di salvare la mia vita, poichè mi lasciano il sangue e le forze quindi allontanatevi finché ne avete la possibilità, e ritornate alla vostra legione”. Così combattendo poco dopo morì cadde e i suoi compagni ebbero salva la vita.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-02 20:55:19 - flow version _RPTC_G1.1