Violenze dei soldati di Ariovisto (Versione di latino Cesare)

Violenze dei soldati di Ariovisto
Autore: Cesare

Mentre nel colloquio si discutevano queste cose, a Cesare fu annunciato che i cavalieri di Ariovisto accedevano all'altura e cavalcavano e scagliavano verso i nostri, sassi e frecce.

Cesare pose fine al discorso e si ritirò dai suoi ed ordinò loro di non rispondere assolutamente ai nemici. Difatti nonostante vedesse che uno scontro con la cavalleria sarebbe avvenuto senza alcun pericolo per i suoi, riteneva tuttavia di non dovere attaccare, perché, respinti i nemici, si potesse dire che erano stati da loro circondati in buona fede durante il colloquio.

Dopo che venne rivelato alla folla dei soldati di quale arroganza Ariovisto avesse fatto uso nel colloquio, che aveva interdetto tutta la Gallia ai Romani, che i suoi cavalieri avevano compiuto un attacco contro i nostri e che a causa di ciò Cesare aveva sciolto quel colloquio, venne infuso nel nostro esercito un ardore ed una voglia di combattere molto maggiore.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:17:43 - flow version _RPTC_G1.1