A volte è meglio non mantenere le promesse (Versione Cicerone)

A volte è meglio non mantenere le promesse
Autore: Cicerone
Ornatus n° 43 pagina 82

IAc ne illa quidem promissa servanda sunt, quae non sunt iis ipsis utilia, quibus illa promiseris.

Ma non devono esser mantenute neppure quelle promesse che non sono di utilità a coloro ai quali sono state fatte.

Per ritornare ai miti, il Sole disse al figlio Fetonte che avrebbe esaudito qualunque suo desiderio; egli volle salire sul cocchio del padre; vi fu fatto salire. Ma prima di mettersi a sedere fu colpito e bruciato da un fulmine. Quanto sarebbe stato meglio che in questo caso non fosse stata mantenuta la promessa paterna!

E che dire della promessa che Teseo pretese da Nettuno? Avendogli Nettuno concesso tre desideri, chiese la morte del figlio Ippolito, poiché questi era stato sospettato dal padre di illecita relazione con la matrigna;

ottenuto l'adempimento di questo desiderio, Teseo piombò nel maggiore dei lutti. E che dire di Agamennone? Avendo offerto in voto a Diana quello che di più bello fosse nato nel suo regno in quell'anno, immolò Ifigenia, della quale, almeno in quell'anno, niente era nato di più bello. avrebbe dovuto fare a meno dì promettere, anziché commettere un delitto così infame

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:03:35 - flow version _RPTC_G1.1