Ammirazione per un poeta

Quotiescumque ego Archiam carmina recitantem audivi, magna admiratione affectus sum et suavissima voluptate delectatus, atque semper poetae nomen maximis laudibus honorandum putavi.

Tutte le volte che io ho ascoltato Archia mentre recitava delle poesie, sono stato colto da grande ammirazione, e allietato da un piacere dolcissimo, ed ho sempre considerato che bisognasse onorare il suo nome con lodi grandissime.

Quindi, non dovrei apprezzare Archia, non dovrei ammirarlo e ritenere che lo si debba difendere ad ogni costo? Quindi considerate sacrosanto questo titolo di poeta, che mai nessun uomo, neanche barbaro, osò profanare. Le montagne ed i deserti rispondono alla sua voce, persino gli animali più feroci diventano mansueti e si fermano al suo canto: e noi, che siamo stati educati esemplarmente, non dovremmo essere colpiti dalle parole dei poeti?

Gli abitanti di Colofone sostengono che Omero sia loro compatriota, quelli di Chio lo rivendicano a sé, i cittadini di Salamina insistono di avergli dato i natali;

quelli di Smirne, invece, confermano che è dei loro. Dunque tante persone reclamano, anche dopo la morte, uno straniero, per il semplice fatto che fu un poeta; e noi rifiuteremo Archia, che è vivo e già ci appartiene, per sua scelta e per la legge? Tanto più che Archia ha messo tutta la sua arte ed il suo talento al servizio del popolo Romano, per celebrarne la grandezza ed il prestigio.

Versione stesso titolo ma da altro libro (testo latino diverso)

O giudici, tutte le volte che io ho ascoltato Archia mentre recitava delle poesie, sono stato colto da grande ammirazione, e allietato da un piacere dolce, ed ho sempre considerato degno di grandi elogi il nome del poeta. Dunque non dovrei amare, non dovrei difendere con ogni argomento questo Archia? O giudici, possa dunque essere sacro, presso di voi, uomini illustri, questo nome di poeta, che mai nessuna barbarie ha violato! I macigni e i deserti rispondono alla voce di lui, spesso le bestie feroci vengono domate dal canto e si arrestano; e noi non dovremmo essere commossi dalla voce dei poeti?

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:03:35 - flow version _RPTC_G1.1