Cesare e Cicerone - Versione latino Exedra

Contendere de re publica, cum id defendas quod esse optimum sentias, et fortium virorum et magmorum hominum semper putavi, neque huic umquam labori officio muneri defui.

Cesare e Cicerone versione Cicerone dal libro Exedra

Io ho pensato sempre sia tra i maschi più forti sia tra i grandi uomini di aspirare alla Repubblica, benché tu difenda ciò che tu intenda sia una cosa ottima, né ho mancato mai a questo lavoro di dovere d’ufficio.

Ma la tensione tanto a lungo è sapiente quanto o giova qualcosa o se non giova non nuoce alla cittadinanza. Vogliamo alcune cose, contendiamo, siamo pratici; non ci sono scuse.

Alcuni dolore, noi suscitiamo lutto e tristezza. Perché non possiamo cambiare queste cose, desideriamo abbattere piuttosto che difendere? Il senato onorò Cesare con un vastissimo genere di preghiere di ringraziamento e con una nuova quantità di giorni.

Lo stesso in ristrettezze dell’erario stipendiò l’esercito vincitore, assegnò 10 luogotenenti al comandante, non decretò con la legge Sempronia dei successori. Io fui il principale e fautore di queste decisioni, né ho pensato di assentire più alla mia discordia di prima che nelle circostanze presenti della Repubblica convenire ad un accordo.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:54:09 - flow version _RPTC_G1.1