Cicerone annuncia ad Attico la nascita di suo figlio Marco

CICERO ATTICO SAL.

Cicerone saluta Attico.

Sappi che, sotto il consolato di L. Giulio Cesare e G. Marcio Figulo, sono diventato padre, con Terenzia in buona salute. Da tanto tempo niente lettere da parte tua! In precedenza ti ho scritto dettagliatamente riguardo i miei pensieri. In questo momento medito (lett. meditiamo plurale maiestatis che Cicerone usa sempre ed è usato in tutta la versione che abbiamo però tradotto con "io" anzichè "noi") di difendere Catilina, mio rivale.

Ho i giudici, che ho voluto, col massimo consenso dell'accusatore. Spero, se sarà assolto, che sarà più concorde con me nel discorso di candidatura; se invece accadrà diversamente, la prenderò con filosofia Ho bisogno di un tuo arrivo tempestivo;

infatti è proprio opinione diffusa tra gli uomini che persone a te legate, nobili uomini, saranno contrari alla mia elezione. Vedo che tu mi sarai di grandissimo aiuto per accattivarmi il loro favore. Perciò nel mese di Gennaio, come hai deciso, fa' in modo di essere a Roma.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:01:57 - flow version _RPTC_G1.1