Epistulae ad familiares I 7 e 8 (Al proconsole Lentulo) Cicerone

Cicerone - Epistulae ad familiares I 7 e 8
(Al proconsole Lentulo)

Te vero moneo et oro cum beneficiis tuis, tum amore incitatus meo, ut omnem gloriam, ad quam a pueritia inflammatus fuisti, omni cura atque...

Io dunque ti esorto e scongiuro, spinto sia dai tuoi favori (per me), sia soprattutto dal mio affetto (nei tuoi confronti)

ad aspirare con ogni sforzo e operosità a tutta la gloria alla quale fin da giovane ti sentivi sospinto con tanto ardore e di non permettere che alcuna ingiustizia pieghi la grandezza del tuo animo che io ho sempre ammirato e apprezzato. Grande è la stima che gli uomini hanno di te, grande è l'ammirazione della liberalità grande è il ricordo del tuo consolato.

Certamente tu intuisci quanto maggiore rilievo e splendore avranno questi elogi quando se ne aggiungeranno molti altri per il tuo governo nella provincia. Tuttavia mentre voglio che tu faccia tutto ciò che devi fare con l'esercito e nell'esercizio del tuo comando desidero anche tu rifletta bene in anticipo sul tuo futuro qui: preparati per questo, pensa a questo, esercitati a questo e renditi conto dato che è ciò che hai sempre sperato, non dubito che una volta conseguitolo, tu ne abbia coscienza, che puoi ottenere senza alcuna difficoltà il più grande e il più alto posto nella cittadinanza

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:17:43 - flow version _RPTC_G1.3