Esca catilina da Roma purifichi la città (Versione Cicerone)

Esca catilina da Roma purifichi la città Cicerone versione Nuovo comprendere e tradurre vol. 4

Quae cum ita sint, Catilina, perge, quo coepisti, egredere aliquando ex urbe patent portae proficiscere....

Se le cose stanno così, Catilina, porta a termine quanto hai cominciato! Lascia una buona volta la città!

Le porte sono aperte. Vattene! L'accampamento di Manlio, il tuo accampamento, da troppo tempo aspetta te, suo generale. Porta via anche tutti i tuoi; se non tutti, quanti più puoi. Purifica la città!

Mi libererai da una grande paura quando ci sarà un muro tra me e te. Non puoi più stare in mezzo a noi! Non intendo sopportarlo, tollerarlo, permetterlo. Dobbiamo grande riconoscenza agli dèi immortali e a Giove Statore, antichissimo custode della nostra città, per essere sfuggiti ormai molte volte a un flagello così spaventoso, orribile, abominevole per lo Stato.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:17:50 - flow version _RPTC_G1.3