La durissima invettiva di Sallustio contro Cicerone (I)

Graviter et iniquo animo maledicta tua toleramus.

Sopporto gravemente e con animo scontento le tue maldicenze.

Marco, Tullio uomo petulante, audace ed ingrato; in te non scorgo né misura né pudore e né alcuna temperanza. Difendi le leggi, le testimonianze, la nostra cittadinanza come l'unico rimasto della famiglia del famoso uomo Scipione l'Africano.

lo splendore domestico ti eleva l'animo: dopo il tuo consolato, deliberasti in merito alla nostra santa città con la moglie Terenzia. La moglie sacrilega e la figlia della madre concubina, gradevole ed obbediente verso di te, riempiono con la forza e ruberie la tua casa.

Sei un uomo superficiale, Marco Tullio, supplichevole tu hai un parlare vano, mani molto rapaci, un'ingordigia immensa, passi fugaci e molti altri difetti

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:03:52 - flow version _RPTC_G1.1