La durissima invettiva di Sallustio contro Cicerone (II)

Te conlocas in concilio deorum immortaliumet haec nobis semper commemoras: egregia tua virtute omnes Paulos, Fabios, Scipones, superavisti et ex deorum concilio custos mitteris Romam.

T'inserisci nel concilio degli dèi immortali e ci ricordi sempre tali cose: hai superato con la tua egregia virtù tutti i Paoli, i Fabi, gli Scipioni e sei stato inviato come custode a Roma dal concilio degli dèi.

Ma non sei né un custode, né un signore: tutte le leggi ed i giudizi sono nella tua libidine; anzi tutti i magistrati e quasi tutti i Romani sono nella tua libidine;

uno ha costruito per te con una spesa illimitata una villa a Tuscolo, un altro a Pompei, un altro ha acquistato per te una casa, un altro esegue per te i tuoi affari, un altro ti prepara ingenti patrimoni e tu accetti: queste ricchezze sono state acquistate grazie al sangue e alle miserie dei cittadini!

tra te e il dittatore Silla eccetto il nome del potere non c'è alcuna differenza. O Roma, misera ed infelice! Ora non dico nient'altro sulla tua insolenza, Marco Tullio, Romolo di Arpino!
(By Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:01:57 - flow version _RPTC_G1.1