La nascita del figlio di Cicerone

Cicero Attico salutem.

L. Iulio Caesare, C. Marcio Figulo consulibus filiolo me auctum scito, salva Terentia. Abs te tam diu nihil litterarum! Ego de meis ad te rationibus scripsi antea diligenter. Hoc tempore Catilinam, competitorem nostrum, defendere cogitamus.

Iudices habemus, quos voluimus, summa accusatoris voluntate. Spero, si absolutus erit, coniunctiorem illum nobis fore in ratione petitionis; sin aliter acciderit, humaniter feremus.

Tuo adventu nobis opus est maturo; nam prorsus summa hominum est opinio tuos familiares nobiles homines adversarios honori nostro fore. Ad eorum voluntatem mihi conciliandam maximo te mihi usui fore video. Quare Ianuario mense, ut constituisti, cura ut Romae sis.

Sappi che, sotto il consolato di Lucio Giulio Cesare e Gaio Marcio Figulo, sono diventato padre,  con Terenzia in buona salute.

Da tanto tempo niente lettere da parte tua! In precedenza ti ho scritto dettagliatamente riguardo i miei pensieri. In questo momento medito di difendere Catilina, mio rivale. Abbiamo i giudici, che abbiamo voluto, col massimo consenso dell’accusatore.

Spero, se sarà assolto, che sarà più concorde con me nel discorso di candidatura; se invece andrà diversamente, la prenderò con filosofia  Ho bisogno di un tuo arrivo tempestivo;

infatti è proprio opinione diffusa tra gli uomini che persone a te legate, nobili uomini, saranno contrari alla mia elezione. Vedo che tu mi sarai di grandissimo aiuto per accattivarmi il loro favore. Perciò nel mese di Gennaio, come hai deciso, fa' in modo di essere a Roma.

release check: 2020-08-24 21:53:30 - flow version _RPTC_G1.1