Marcello lascia intatta Siracusa - Versione di Cicerone VELIM

Marcello lascia intatta Siracusa Cicerone
VERSIONE latino LIBRO VELIM

Et Marcellus, qui, si Syracusas cepisset, duo templa se Romae dedicaturum voverat, is id quod erat aedificaturus iis rebus ornare quas ceperat noluit: Verres, qui non Honori neque Virtuti, quemadmodum ille, sed Veneri et Cupidini vota deberet, is Minervae templum spoliare conatus est.

E Marcello, che aveva promesso in voto che, se avesse preso Siracusa, avrebbe fatto costruire 2 templi in Roma, , egli non volle ornare quello che aveva intenzione di far costruire con quegli oggetti che aveva preso: Verre, , che non dovrebbe far voti a Onore né a Virtù, come lui, ma a Venere e a Cupido, , egli cercò di spogliare il tempio di Minerva.

Il primo non volle che gli dèi fossero ornati con spoglie sottratte agli dèi, costui trasferì in un postribolo gli ornamenti della vergine Minerva.

Inoltre portò via dal medesimo tempio ventisette quadri dipinti splendidamente, nei quali vi erano i ritratti dei re e dei tiranni della Sicilia, che procuravano piacere non solo per la maestria dei pittori, ma anche per il ricordo degli uomini e per la conoscenza dei tratti fisici.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:31:03 - flow version _RPTC_G1.1