Matematici e Filosofi - Cicerone versione latino

Matematici e Filosofi
versione latino Cicerone

Nam geometrae cum aliquid docere volunt, si quid ad eam rem pertinet eorum quae ante docuerunt, id sumunt pro concesso.

Infatti i geometri quando vogliono dimostrare qualcosa, se qualcosa si riferisce allo stesso argomento di cui prima dimostrarono quegli argomenti, applicano ciò come ammesso ed approvato, spiegano quello nel modo su cui prima niente è stato scritto; i filosofi a qualunque argomento attendono, concordano in quell’argomento che raccoglie ogni cosa, sebbene è stato discusso in altra questione.

Perché se non fosse così, perché lo Stoico, se avesse desiderato, non forse abbastanza potesse la virtù per vivere beatamente, direbbe molte cose? A cosa sarebbe bastato rispondere se prima avesse dimostrato che niente è bene se non ciò che fosse giusto, ciò provato che ne consegue che una vita felice è contenta della virtù, e come sia conseguente a quell’argomento, così quello a questo, che, se la vita felice sia contenta della virtù, se non ciò che sia giusto, nient’altro sia bene.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:31:03 - flow version _RPTC_G1.1