Moderazione di Marcello - Versione di Cicerone

Moderazione di Marcello
versione latino Cicerone
libro Corso di lingua latina n. 31 pagina 88

Nunc ad marcellum revertar, ne haec a me sine causa commemorata esse videantur.

Che ora si ritorni a Marcello, sembra che queste cose siano state ricordate da me senza motivo.

E questo dopo aver catturato l’illustre città con la forza e le truppe, non ritenne spettare alla lode del popolo romano di eliminare ed estinguere questa bellezza. Pertanto in questo modo risparmiò tutti gli edifici, pubblici e privati, sacri e profani, come se fosse venuto lì per difendere con l’esercito, non per assediare.

Nelle illustri città tenne in considerazione della vittoria, (tenne in considerazione) dell’umanità; riteneva che fosse proprio della vittoria portare a Roma molte cose che potessero essere di ornamento alla città, che fosse proprio dell’umanità non depredare interamente la città.

Queste cose furono portate a Roma, le vediamo al tempio dell’onore e della virtù e anche in altri luoghi. Non pose nulla nei templi, nulla nei giardini, nulla nel suburbano. A Siracusa però rimase debitore moltissimo e senza pari, non essere nessun dio, nulla toccò. >

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:31:21 - flow version _RPTC_G1.1