Molteplicità dei caratteri umani

Dulcem et facetum festivique sermonis Socratem accepimus, contra Pythagoram et Periclem summam auctoritatem consecutos sine ulla hilaritate.

Apprendemmo che Socrate era piacevole, gioviale e dal discorso arguto, per contro, Pitagora e Pericle conseguirono una reputazione eccellente senza alcuna ilarità.

Apprendemmo che l'abile Annibale tra i Cartaginesi, tra i nostri comandanti Quinto Massimo, facilmente celavano, tacevano, dissimulavano, tendevano insidie, sventavano i piani dei nemici.

In questa categoria i Greci antepongono Temistocle e Giasone di Fere agli altri, in primo luogo l'impresa ingegnosa ed abile di Solone che per tutelare meglio tramite la quale la sua vita e per giovare di più allo Stato, si finse pazzo.

Vi sono altri molto diversi da questi, sinceri e chiari, che credono che non si debba agire di nascosto, niente per inganno, amanti del vero, nemici della frode, e ce ne sono altri che sopportano qualunque cosa, servono con premura chiunque, per conseguire (affinche' conseguono) ciò che vogliono, come percepivamo di Silla e Marco Crasso.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:00:35 - flow version _RPTC_G1.1