Somnium Scipionis Cantus sphaerarum

Cicerone lingua latina per se illustrata

Quae cum intuerer stupens, ut me recepi, "Quid?

Hic" inquam "quis est qui complet aures meas tantus et tam dulcis sonus?" "Hic est" inquit ... adversum nequitis eiusque radiis acies vestra senusque vincitur. "

Come mi ripresi, mentre contemplavo stupito disse: "« Cosa?

Ma che cosa è questo suono, così intenso e armonioso, che riempie le mie orecchie?». «È il suono», rispose, «che sull'accordo di intervalli regolari, eppure distinti da una razionale proporzione, risulta dalla spinta e dal movimento delle orbite stesse e, equilibrando i toni acuti con i gravi, crea accordi uniformemente variati; del resto, movimenti così grandiosi non potrebbero svolgersi in silenzio e la natura richiede che le due estremità risuonino, di toni gravi l'una, acuti l'altra. Ecco perché l'orbita stellare suprema, la cui rotazione è la più rapida, si muove con suono più acuto e concitato, mentre questa sfera lunare, la più bassa, emette un suono estremamente grave;

la Terra infatti, nona, poiché resta immobile, rimane sempre fissa in un'unica sede, racchiudendo in sé il centro dell'universo. Le otto orbite, poi, all'interno delle quali due hanno la stessa velocità, producono sette suoni distinti da intervalli, il cui numero è, possiamo dire, il nodo di tutte le cose; imitandolo, gli uomini esperti di strumenti a corde e di canto si sono aperti la via per ritornare qui, come gli altri che, grazie all'eccellenza dei loro ingegni, durante la loro esistenza terrena hanno coltivato gli studi divini.

Le orecchie degli uomini, riempite da questo suono, diventarono sorde. E non vi è nessun senso più deboleo in voi; così come, là dove il Nilo, precipita da monti altissimi nella regione che è chiamata Catadupa, abita un popolo che, per l'intensità del rumore, manca del senso dell'udito. Questo suono è così forte, a causa della velocissima rotazione di tutto l'universo, che le orecchie degli uomini non possono sentirlo, così come non siete in grado di osservare il sole e la vostra acutezza e il senso [della vista] è vinto dai suoi raggi.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:59:54 - flow version _RPTC_G1.1