Svantaggi delle città di mare (versione latino Cicerone)

Svantaggi delle città di mare Autore: Cicerone

Est maritimis urbibus quaedam corruptela ac mutatio morum;

Le citta di mare hanno anche facili costumi la corruzione e il mutamento di costumi sono mescolati infatti a nuove lingue e modi di vivere e sono introdotte non solo merci ma anche costumi stranieri, cosicché nulla può rimanere integro nelle tradizioni degli avi.

Ormai coloro che abitano quelle città, non restano fissi nelle loro abitazioni, ma vengono sempre portati via alquanto lontano da casa da una effimera speranza e pensiero e anche quando vi rimangono nel corpo, tuttavia vivono in esilio con l’animo ed errano.

In verità nessuna cosa distrusse Cartagine e Corinto, a lungo indebolite, più di questo errare e dispersione dei cittadini, poiché per il desiderio di trafficare e di navigare avevano lasciato il culto dei campi e delle armi.

Sono anche procurate dal mare molte attrattive alla lussuria dannose per le città, le quali o sono prese o sono importate; e anche la stessa amenità possiese molti incitamenti di desideri o fastosi o oziosi

Video analisi della versione Svantaggi della città di mare

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:00:49 - flow version _RPTC_G1.1