Agesilao - Cornelio Nepote versione latino corso di lingua latina

vesione latino di Cornelio Nepote Corso di lingua latina
Dal libro Corso di Lingua Latina” pagina 85 numero 32

Lacedaemoniis mos erat duos habere reges, alterum ex familia Procli, alterum ex familia Eurysthenis: nec licebat ex alia familia regem creari.

Post vero regis obitum maximus natu succedebat. Regnaverat Agis, Agesilai frater, eoque defuncto hereditario iure Leotychides filius succedebat: verum Agesilaus, suffragante Lysandro, illum regno deiecit primusque de regno cum fratris filio contendit. Hic Aegyptios et universam Asiam variis cladibus afflixit. Inde, cum bellum animo agitaret cum exercitu exstructissimo, a suis, qui bellum Boeotiis et Atheniensibus indixerant, revocatus, rediit tanta celeritate, ut triginta diebus iter confecerit, quod anno vertente confecerat Xerses.

Apud Coroneam Boeotios et Athenienses fudit. Spartam ab Epaminonda obsessam liberavit. Dona plurima in eum collata patriae contulit, avita et paupere domo contentus.

Altero pede claudicabat: quam ob rem tamquam deformis contemnebatur. Cum in Aegyptum subsidio Tacho regi missus esset, munera barbarorum sprevit, et, vitulina carne et vilibus obsoniis acceptis, distributa servis secunda mensa cum unguentis et coronis, cetera legatos referre iussit. Tanta parsimonia contemptui barbaris fuit. Ex Aegypto rediens cum CCXX talentis, quibus eum rex Notanabides donaverat, morbo implicitus decessit.

Traduzione n. 1

Un’usanza dei lacedemoni era di avere due re più di nome che di potere, l’uno dalla famiglia dei Procli, l’altro dalla famiglia di Euristeno: e non era permesso che il re fosse generato da un’altra famiglia.

Dopo la morte del re in verità succedeva il maggiore d’età, e, se nessuno fosse di sesso maschile, era scelto per parentela al morto. Aveva regnato Agide, fratello di Agesilao, e dopo che questo fu defunto succedeva il figlio Leotichide per legge: ma Agesilao, sostenuto da Lisandro, scacciò quello dal regno e per primo si adoperò per il regno con il figlio del fratello. Questo abbatté l’Egitto e l’intera Asia con varie stragi. Poi, pensando alla guerra con un esercito elevatissimo, richiamato dai suoi, che avevano dichiarato guerra ai beoti e agli ateniesi, tornò così tanto velocemente che compì in trenta giorni il viaggio che Serse aveva compiuto nel corso di un anno. Presso Coronea vinse i beoti e gli ateniesi. Liberò Sparta dall’assedio di Epaminonda. Portò moltissimi doni alla patria e lui vicino: soddisfatto degli avi e dei giovani della patria. Zoppicava con uno dei due piedi: proprio per questo motivo era disprezzato così come un deforme. Dopo che fu mandato in Egitto in aiuto al re Toco nell’anno 80, disprezzò i doni dei barbari, e, accettata la carne di vitello e le vivande a basso costo, distribuita agli schiavi la seconda portata con profumi e ghirlande, comandò di restituire tutti gli altri legati.

Fu disprezzato dai barbari con così tanta moderazione. Tornando dall’Egitto con 220 talenti, che il re Notanabile gli aveva donato affinché fosse utile alla sua patria, nel porto di Menelao che è tra Cirene e l’Egitto, morì implicato dalla malattia. Cosparso il corpo con la cera, poiché mancava il miele, fu ricondotto dai suoi a Sparta. Traduzione n. 2 Tra i Lacedemoni era tradizione avere due sovrani; l'uno dalla famiglia di Proclio, l'altro dalla famiglia di Euristene: e non era consentito che un re proveniente da un'altra stirpe venisse eletto. Di solito dopo la morte del re, gli succedeva il maggiore d'età. Aveva regnato Age, fratello d'Agesilao, defunto il quale, per diritto ereditario, gli sarebbe dovuto succedere (lett: succedeva) il figlio Leoticide: tuttavia Agesilao, con l'appoggio di Lisandro, lo scacciò dal regno e per primo si scontrò per il controllo del territorio (lett: regno) con il figlio del fratello.

Costui ridusse a mal partito gli Egizi e l'intera Asia in varie sconfitte. Di qui, giacchè aveva in mente una guerra con un enorme spiegamento di forze, richiamato dai suoi, i quali avevan intrapreso una guerra contro Beozi ed Ateniesi, ritornò con tanto grande rapidità da compiere in trenta giorni il viaggio che Serse aveva portato a termine nel giro d'un anno. Presso Coronea sbaragliò Beozi ed Ateniesi. Liberò Sparta, assediata da Epaminonda. Soddisfatto d'una casa misera ed ereditata, consegnò alla patria moltissimi doni a lui assegnati. Zoppicava da un piede: e perciò era disprezzato in quanto deforme. Allorchè fu mandato in Egitto, in soccorso al re Taco, disprezzò i doni dei barbari, e, accettata carne di vitello ed altre vivande di poco pregio, distribuita ai servi una seconda portata con profumi e ghirlande, ordinò ai legati di portar via le altre (leccornie). Tanto grande parsimonia fu a disprezzo dei barbari. Ritornando dall'Egitto con 220 talenti, che gli aveva donato il re Notanabide, morì d'una malattia ignota.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:38:46