Alcibiade cade in disgrazia degli ateniesi (Versione latino Nepote)

Alcibiade cade in disgrazia degli ateniesi
Autore: Cornelio Nepote

Atheniensibus persuasum erat et adversas superiores et praesentes secundas res Alcibiadis opera accidiss.

Itaque et Siciliae amissum et Lacedaemoniorum victorias culpae suae tribuebant, quod talem virum e civitate expulissent. Neque id sine causa arbitrari videbantur. Nam postquam exercitui praeesse Alcibiades coeperat, neque terra neque mari hostes pares esse potuerant.

Sed haec Alcibiadi fortuna non nimis fuit diuturna. Nam cum ei omnes essent decreti honoris totaque res publica domi bellique tradita, classe in Asiam profectus, quod apud Cymen minus ex sententia rem gesserai, in invidiam recidit: nihil enim cives eum non efficere posse ducebant.

Ex quo fiebat, ut omnia minus prospere gesta culpae ei tribuerent. Itaque huic maxime putamus malo fuisse nimiam opinionem ingenii atque virtutis.


Gli Ateniesi si erano persuasi che le precedenti disfatte e le attuali vittorie si erano verificate per opera di Alcibiade.

Così imputavano a propria colpa la perdita della Sicilia e le vittorie degli Spartani, dal momento ch eavevano allontanato dalla città un tale uomo. E sembravano pensare questo non senza ragione. Infatti, dopo che Alcibiade aveva cominciato ad essere a comando dell'esercito, né per terra né per mare i nemici avevano potuto essere all’altezza.


Tuttavia, questa buona sorte di Alcibiade non durò troppo a lungo. Infatti, dopo che gli erano state decretate tutte le cariche e affidata l’intero Stato e in pace e in guerra, giunto in Asia con la flotta, poiché non realizzò le aspettative, ricadde nell'odio: i concittadini ritenevano infatti che lui nulla potesse mandare ad effetto.

Ne conseguiva che gli imputassero a colpa tutti gli insuccessi. Pertanto, riteniamo che gli avesse nociuto soprattutto l'eccessiva considerazione dell'ingegno e del valore.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:38:46