Gloriose imprese di Timoteo (Versione latino Nepote)

Gloriose imprese di Timoteo
Autore: Cornelio Nepote

Timotheus, Cononis filius, Atheniensis.

Timoteo, figlio di Conone, fu un cittadino Ateniese.

Egli accrebbe la fama ricevuta dal padre con molte doti: infatti fu eloquente, operoso, attivo, esperto nell'arte militare e non meno nella vita politica. Molte sono le sue gloriose imprese, ma soprattutto queste (sono quelle più) importanti: sottomise gli abitanti di Olinto e i Bizantini in guerra. Prese Samo: gli Ateniesi avevano speso mille e duecento talenti nell’espugnazione di quell’isola, Timoteo la rese al popolo senza alcuna spesa pubblica.

Diresse la guerra contro Coto e ne riportò mille e duecento talenti di bottino nelle casse dello Stato. Liberò Cizico da un assedio. Andò insieme con Agesilao in aiuto di Ariobarzane, e mentre lo Spartano aveva ricevuto da questi denaro contante, egli preferì arricchire i suoi cittadini di territori e di città che prendere ciò di cui una parte avrebbe potuto portare a casa sua.

Pertanto ebbe Critote e Sesto. Così ebbe Critote e Sesto. Comandante della flotta, circumnavigando il Peloponneso, devastò la Laconia, mise in fuga la flotta spartana, ridusse in potere degli Ateniesi Corcira e aggiunse all'alleanza gli Epiroti, gli Atamani, i Cáoni e tutti i popoli rivieraschi della zona

release check: 2020-12-11 20:18:01 - flow version _RPTC_G1.1