Bellezza di una città - Agite versione latino Curzio Rufo

Bellezza di una città versione latino Curzio Rulo traduizione libro agite versione latino

Ipsius urbis pulchritudo ac vetustas non regis modo, sed etiam omnium oculos in semet haud immerito convertit.

Murus instructus laterculo coctili, bitumine interlitus, spatium XXX et quorum pedum in latitudinem amplectitur; quadrigae inter se occurrentes sine periculo commeare dicuntur. Altitudo muri L cubitorum eminet spatio: turres denispedibus quam murus altiores sunt.

Totius operis ambitus CCCLXV sradia complecritur: singulorum stadiorum structuram singulis diebus perfectam esse memoriae proditum est. Aedificia non sunt admota muris, sed fere spatium iugeri unius absunt.

Ac ne totam quidem urbem tectis occupaverunt; per LXXX stadia habitabatur, nec omnia continua sunt, credo, quia tutius visum est pluribus locis spargi; cetera serunt coluntque, ut, si externa vis ingruat, obsessis alimenta ex ipsius urbis solo subministrentur.

L'antica bellezza della stessa città attirò su di sE gli occhi non solo del re ma anche di tutti Le mura costruite con mattoni cotti e cementate con bitume, abbracciano uno spazio, in latitudine, di 32 piedi; si dice che le quadrighe (lett.

le quadrighe sono dette corrono incrociandosi tra loro senza pericolo di scontrarsi. L'altezza delle mura SI eleva (per) uno spazio di 50 cubiti; le torri sono più alte dell le mura di 10 piedi. La circonferenza dell'intera costruzione abbraccia 365 stadi.

Si tramanda che ne sia stato costruito uno stadio al giorno. Gli edifici non sono attaccati alle mura, ma ne distano circa uno iugero. Per altro, non hanno occupato l'intera città con case; la superficie abitata [lett. si abitava] s'estende (soltanto) per 80 stadi, né tutte le case sono ammassate le une alle altre [lett.

sunt continua], dato che - come penso - parve più sicuro che fossero dislocate [spargi] in punti diversi [lett. in più punti; ovvero che tra le case stesse ci fosse dello spazio]. (Gli abitanti) seminano e coltivano i (terreni) restanti, di modo che - se incombesse una minaccia dall'esterno - gli assediati potrebbero ricavare gli alimenti dal suolo della città stessa.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:01:57