I giardini pensili di Babilonia (Versione di latino Curzio Rufo)

I giardini pensili di Babilonia
versione latino Curzio Rufo
libro ORNATUS e libro NOVA OFFICINA

Super arcem, vulgatum Graecorum fabulis miraculum, pensiles horti sunt, summam murorum altitudinem aequantes multarumque arborum umbra et proceritate amoeni.

Saxo pilae, quae totum onus sustinet, instructae sunt; super pilas lapide quadrato solum stratum est, patiens terrae, quam altam iniciunt, et humoris, quo rigant terras: adeoque validas arbores sustinent moles, ut stipites earum cubitorum spatium crassitudine aequent, in L pedum altitudinem emineant frugiferaeque aeque sint ut si terra sua alerentur.

Et cum vetustas non opera solum manu facta, sed etiam ipsam naturam paulatim exedendo perimat, haec moles, quae tot arborum radicibus premitur tantique nemoris pondere onerata est, inviolata durat: quippe pedes lati parietes sustinent pedum intervallo distantes, ut procul visentibus silvae montibus vis inminere videantur.

Syriae regem Babylone regnantem hoc opus esse molitum memoriae proditum est, amore coniugis victum, quae, desiderio nemorum silvarumque in campestribus locis, virum conpulit amoenitatem naturae genere huius operis imitari.

Stesso titolo ma dal libro LATINA LECTIO (diversa)
Super arcem vulgatum Graecorum fabulis miraculum, pensiles horti sunt summam murorum altitudinem aequantes multarumque arborum ...
I giardini pensili di Babilonia
versione latino Curzio Rufo
libro ORNATUS e libro NOVA OFFICINA

Sulla rocca - visione magnifica tramandata da leggende greche - si trovano giardini pensili, che pareggiano l'enorme altezza delle mura e piacevoli dall'ombra e dalla figura slanciata di molti alberi.

I pilastri, che sostengono tutto il peso, sono stati costruiti in pietra; al di sopra dei pilastri, c'è un basamento spiano, in pietra, squadrato, che sostiene il manto erboso - che coltivano alto - e il liquido, con cui irrigano il suolo. I supporti riescono a sostenere alberi tanto grandi che i loro tronchi occupano, in spessore, lo spazio di 8 cubiti, si slanciano per un'altezza di 50 piedi e sono ricchi di frutti così come se fossero alimentati da un vero e proprio suolo.

E sebbene la vetustà distrugga - rodendo poco a poco - non soltanto l'opera umana ma anche la stessa natura, questa struttura - che sopporta il peso delle radici di tanti alberi e di tale vegetazione - resiste intatta : in effetti, pareti larghe 20 piedi si alzano distanziandosi per un intervallo di 11 piedi, tale che a chi osserva da lontano la vegetazione sembra sovrastare gli stessi monti.

C'è la leggenda che tale opera fu costruita dal re di Siria durante il suo soggiorno in Babilonia, vinto dall'amore per la moglie, la quale - per il desiderio di boschi e selve in luoghi lussureggianti - spinse il proprio marito a riprodurre in questo modo artificiale la bellezza della natura.

Stesso titolo ma dal libro LATINA LECTIO (diversa)
Super arcem vulgatum Graecorum fabulis miraculum, pensiles horti sunt summam murorum altitudinem aequantes multarumque arborum ...

Al di sopra della rocca, meraviglia resa nota dai racconti dei Greci, vi sono i giardini pensili, che eguagliano l'altezza delle mura e lussureggianti grazie all'ombra e alla frescura di numerosi alberi. I pilastri, che sostendono tutto il peso, sono fatti di pietra; sopra i pilastri è stato gettato un pavimento, per sopportare il terreno che vi è stato gettato profondo, e l'acqua con cui irrigano i giardini: e tutta la mole regge alberi così robusti che i loro tronchi raggiungono lo spessore di otto cubiti, si elevano per un'altezza di cinquanta piedi e sono carichi di frutta come se fossero nutriti nel loro proprio terreno. E benché la vetustà a poco a poco distrugge, erodendoli, non solo i manufatti, ma anche la natura stessa, questa mole, che è pressata dalle radici di tanti alberi ed è oberata dal peso di una così rigogliosa vegetazione, si mantiene intatta: infatti la sostengono pareti di venti piedi di lato, distanti tra loro undici piedi, tanto che, per chi guarda da lontano, sembrano boschi

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:01:57