Il nodo di gordio - COTIDIE LEGERE - versione Curzio Rufo

 

Il nodo di Gordio Versione latino Curzio Rufo
traduzione libro Cotidie Legere

Alexander, victo rege Dario apud flumen Granicum et omnibus civitatibus Graecis proximis litori liberatis, ad Prygiam contendit, sperans se caput illius regionis Gordium nomine, facile caputurum esse.

Neque spes eum fefellit: nam urbem in dicionem suam brevi tempore redegit. Haec urbs, quae a Gordio, regis Midae patre, nomen capiebat, sita erat in via regi, quae Susa ducebat, et omni genere commeatus abundabat.

In Iovis templo eius urbis ostendebatur vehiculum, quo patrem Midae in urbem Gordium vectum esseconstrabat. Huic veiculo iugum compluribus nodis solvisset, tota Asia potiturum esse.

Complures illos nodos solvere frustra conati erant. Etiam Alexander in illus templum ingressus est, vaticinium cognovit, et cupido solvendi nodos in eius animum incessit. Sed cum diu omnia frustra expertus esset, gladio destricto nodos seciut, dixitque eos solutos esse.

Altre versioni con questo titolo

Il nodo di Gordo - di  Nuova latina lectio
Il nodo di Gordio - LE RAGIONI DEL LATINO - Versione Curzio RufoIl nodo di Gordio  di NUOVO COMPRENDERE E TRADURREIl nodo di gordio - COTIDIE - versione Curzio Rufo

Alessandro, vinto il re Dario presso il fiume Granico e liberate tutte le città della Grecia vicine alla costa, si diresse in Frigia, sperando di impadronirsi facilmente della capitale di quella regione, di nome Gordio.

E della speranza non lo deluse: infatti conquistò in breve tempo la città. Questa città, che prendeva il nome da Gordio, padre del re Mida, era sita nella via regia, che conduceva a Susa e abbondava di ogni genere di viveri.

Nel tempio di Giove di quella città era esposto un carro, con il quale era noto che Gordio padre di Mida fosse stato trasportato in città. A questo veicolo era attaccato un giogo avvinto da molti nodi. Un antico oracolo aveva predetto che colui che avesse sciolto il nodo, si sarebbe impadronito di tutta l'Asia.

Molti avevano tentato di sciogliere inutilmente quei nodi. Anche Alessandro entrò in quel tempio, seppe del vaticinio, e desideroso di sciogliere i nodi avanzò con quell'intenzione. Ma avendo tentato inutilmente di fare (tutto) ciò, sguainata la spada, tagliò i nodi e disse che quelli erano stati sciolti.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:01:57