Un'imprudenza pericolosa - Versione latino da Curzio Rufo da Aurea verba latinitatis

Un'imprudenza pericolosa
Versione latino Curzio Rufo Libro Aurea verba latinitatis

Urbem Tarsum Cydnus flumen interfluit. Pulvere simul ac sudore perfusum Alexandrum regem invitavit liquor fluminis ut calidum adhuc corpus ablueret.

Itaque, deposita veste in conspectu agiminis, descendit in flumen; subito horrore regis artus rigere coeperunt, pallor deinde suffusus est, et eum propemodum corporis vitalis calor reliquit.

Expiranti similem ministri excipiunt nec satis compotem mentis in tabernaculum deferunt.

Ingens sollicitudo ac paene iam luctus in castris erat. Flentes querebantur, in tanto impetu cursuque rerum, omnis aetatis ac memoriae clarissimum regem, non in acie saltem, non ab hoste victum, sed abluentem corpus aqua, ereptum et exstinctum esse.

Il fiume Cnido percorre (percorreva) la città di Tarso.

La fluidità del fiume invitò Alessandro il re, cosparso di polvere e sudore, affinché pulisse il corpo. Perciò, deposta la veste nel cospetto della colonna, scese nel fiume;

con svelto orrore, gli arti del re cominciarono ad irrigidire, quindi arrivò anche il pallore ( in viso) e il calore vitale del corpo lo lasciò in tutti i modi.

Arrivarono insieme i dottori dichiararono di non portare nessun pensiero al tabernacolo. E così già il grande lutto arrivò negli accampamenti con sollecitudine e pena.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:06