I consoli romani che affrontarono Annibale - Versione latino eutropio

P. Cornelius Scipio Hannibali primus occurrit.

Commisso proelio, fugatis suis ipse vulneratus in castra rediit. Sempronius Gracchus et ipse confligit apud Trebiam amnem. Is quoque vincitur. Hannibali multi se in Italia dediderunt. Inde ad Tusciam veniens Hannibal Flaminio consuli occurrit. Ipsum Flaminium interemit; Romanorum XXV milia caesa sunt, ceteri diffugerunt. Missus adversus Hannibalem postea a Romanis Q.

Fabius Maximus. Is eum differendo pugnam ab impetu fregit, mox inventa occasione vicit.
P. Cornelio Scipione si fece incontro per primo ad Annibale. Attaccata battaglia, messi in fuga i suoi, egli stesso tornò ferito al campo. Sempronio Gracco anch'egli combattè presso la Trebbia.

Anch'egli è vinto. In Italia molti si diedero ad Annibale. Quindi venendo verso l'Etruria Annibale si scontrò col console Flaminio. Uccise lo stesso Flaminio; furono uccisi venticinquemila Romani, gli altri si dispersero. Fu mandato poi dai Romani contro Annibale Q. Fabio Massimo. Egli spezzò l'impeto di lui differendo il combattimento, poi trovata la buona occasione vinse.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:15:26 - flow version _RPTC_G1.1