I Romani contro Pirro (Versione latino Eutropio)

I Romani contro Pirro
versione latino Eutropio
traduzione libro Forum pagina 55 Numero 1

Eodem tempore Tarentinis, qui iam in ultima Italia sunt, bellum indictum est, quia legatis Romanorum iniuriam fecissent.

Nello stesso tempo fu dichiarata guerra contro i Tarentini, che si trovano nell'estremità dell'Italia, poiché avevano recato offesa agli ambasciatori romani.

Questi chiesero aiuto contro i Romani a Pirro, re dell'Epiro il quale traeva origine dalla stirpe di Achille. Egli venne subito in Italia e allora i Romani cobatterono per la prima volta con un nemico d'oltremare. Inviato contro di lui il console P. Valerio Levino, che avendo catturato gli ambasciatori di Pirro, ordinò che venissero condotti attraverso l'accampamento, che venisse mostrato loro tutto l'esercito e poi che venissero congedati affinché riferissero a Pirro tutto quello che facevano i Romani.

Attaccata ben presto battaglia, mentre ormai Pirro fuggiva, vinse con l'aiuto degli elefanti dei quali ebbero paura i Romani perché sconosciuti.

Ma la notte pose fine al combattimento, tuttavia Levino fuggì durante la notte, Pirro catturò milleottocento Romani, li trattò con sommo onore e seppellì gli uccisi. Avendo visto questi giacere anche da morti con la ferita sul petto e con il volto minaccioso si dice che abbia levato le mani al cielo dicendo che avrebbe potuto essere padrone di tutto il mondo se gli fossero toccati in sorte tali soldati.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:16:01 - flow version _RPTC_G1.1