La morte e la sepoltura di Traiano (Versione latino Eutropio)

La morte e la sepoltura di Traiano versione latino
Eutropio moduli di Lingua Latina pagina 752 Numero 1

Post ingentem igitur gloriam belli domique quaesitam e Perside rediens apud Seleuciam Isauriae profluvio ventris extinctus est.

Così, dopo una grande gloria inseguita in pace e in guerra, ritornando dalla Perside si spense per emorragia del ventre presso Seleucia dell'Isauria.

A 63 anni, nove mesi, quattro giorni, nel diciannovesimo di regno, sesto mese, quindicesimo giorno (Traiano) morì. Fu annoverato tra gli dei e solo fra tutti fu sepolto all’interno della città.

Le ossa, riunite in un'urna d'oro furono poste nel foro che edificò, sotto una colonna, l'altezza della quale raggiunge 144 piedi alta 44 piedi. Un così grande ricordo di lui è stato trasmesso, che fino alla nostra età in senato si acclamano i principi non diversamente se non "più fortunato di Augusto, più virtuoso di Traiano.

A tal punto la fama della bontà ebbe valore in lui, che offre occasione di straordinario esempio sia agli adulatori sia a coloro che sinceramente lodano.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:16:02 - flow version _RPTC_G1.1