Primi scontri tra Ottaviano e Antonio - Eutropio

Primi scontri tra Ottaviano e Antonio Eutropio
Vari libri e libro Cleo libro Studiamo il latino

Anno urbis septingentesimo fere ac nono interfecto Caesare civilia bella reparata sunt.

Nell’anno 709 Circa dalla fondazione di Roma dopo che Cesare fu assassinato, furono di nuovo preparate delle guerre civili.

Il senato favoriva infatti gli uccisori di Cesare. Il console Antonio, del partito di Cesare, tentava di calpestarli nelle guerre civili. Quindi, avendo turbato la repubblica, mentre Antonio combatteva con molta malvagità fu giudicato dal senato.

Inviati Inviati due consoli a combatterlo, Pansa e Aulo Irzio, e Ottaviano di 18 anni, nipote di Cesare, a cui egli aveva lasciato l’eredità per testamento, ed aveva raccomandato di portare il suo nome.

Questi è colui che in seguito fu detto Augusto e si impadronì del potere. Questi tre condottieri partiti contro Antonio, lo sconfissero Successe tuttavia che entrambi i consoli vincitori morirono. Per cui i tre eserciti obbedirono al solo Cesare Augusto.

traduzione della versione dal libro Cleo

Nell’anno 709 Circa dalla fondazione di Roma dopo che Cesare fu assassinato, furono di nuovo preparate delle guerre civili. Infatti il senato appoggiava gli assassini di Cesare. Il console Antonio, del partito di Cesare, tentava di sconfiggerli con le guerre civili. Quindi, poiché aveva messo in disordine lo Stato, commettendo molte malvagità, Antonio fu dichiarato pubblicamente nemico dal senato. Furono mandati a combatterlo i due consoli, Pansa ed Irzio, ed il giovane Ottaviano di 18 anni, nipote di Cesare, che egli aveva lasciato come erede nel testamento, ed aveva ordinato (stabilito) che portasse il suo nome. Questi è colui che in seguito fu chiamato Augusto e che si impadronì del potere. Dopo essere avanzati contro Antonio i tre comandanti lo sconfissero. Accadde tuttavia che entrambi i consoli vincitori morirono. Perciò i tre eserciti furono agli ordini solo di Cesare Augusto. Antonio messo in fuga, perduto l'esercito, riparò presso Lepido, che era stato comandante della cavalleria di Cesare e allora possedeva grandi forze militari, e da lui fu accolto. Poi per l'intervallo di Lepido Cesare fece pace con Antonio e, quasi volesse vendicare la morte di suo padre, dal quale per testamento era stato adottato, recatosi a Roma con l'esercito, ottenne a forza che a ventanni gli si conferisse il consolato.

Traduzione della versione dal libro studiamo il latino

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:16:02 - flow version _RPTC_G1.1