Racconto sintetico della guerra civile

Racconto sintetico della guerra civile Eutropio
Munera pagina 49 Numero 20

Caesar vacuam urbem ingressus dictatorem se fecit.

Cesare entrato nella vuota città, si creò dittatore.

Quindi si recò nelle Spagne. Là vinse gli eserciti validissimi e fortissimi di Pompeo coi tre capitani L. Afranio, M. Petreio, M. Varrone. Tornato di là passò in Grecia (e) combattè contro Pompeo. Nella prima battaglia fu vinto e posto in fuga, si salvò peraltro, perché sopravvenendo la notte Pompeo non volle inseguirlo, e Cesare disse che Pompeo non sapeva vincere e che solo in quel giorno Cesare avrebbe potuto esser vinto.

Quindi combatterono in Tessaglia presso Paleofarsalo schierando dalle due parti immense forze. Si combattè allora con grande violenza, e Pompeo alla fine fu vinto e il suo campo messo a sacco.

Egli stesso posto in fuga guadagnò Alessandria per ricevere aiuti dal re dell'Egitto, al quale dal senato era stato dato come tutore per l'età giovanile di quello. E quello seguendo più la fortuna che l'amicizia uccise Pompeo e mandò a Cesare il capo e l'anello di lui. E scorgendolo si dice che anche Cesare rompesse in lacrime vedendo il capo di un sì grand'uomo e un dì suo genero

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:16:02 - flow version _RPTC_G1.1