Il cervo alla fonte - LATINO DI BASE - Versione Fedro

versione 2 pg. 255 de IL LATINO DI BASE

inizio: STULTI UTILIA CONTEMNENTES, INUTILIA...  fine: ...CAUSA PERNICIEI MEAE FUERUNT

Gli stupidi disprezzando le cose utili e lodando (le cose) le inutili incorrono spesso nella rovina.

Di questo ci avverte il poeta Fedro in una favola nota: Un tempo un cervo arrivò ad una fonte e vide la sua immagine nella chiarezza dell'acqua. Qui mentre lodava le corna ramose e disprezza val'eccessiva sottigliezza delle gambe, improvvisamente risuonarono voci di cacciatori ed il latrato dei cani in arrivo.

Allora il cervo impaurito corso per la radura ricercando la salvezza nella fuga e grazie alla corsa veloce ingannò i cani e arrivò nella foresta. Ma qui i rami degli alberi trattenevano le corna del cervo e presto i cani lacerarono le sue carni con crudeli morsi.

Allora il misero cervo allontanandosi dalla (sua) vita fra i gemiti affermò: " Quanto sono stato stolto! Le gambe che avevo disprezzato mi sono state utili, (mentre) le corna che invece avevo lodato sono state la causa della mia rovina. "

Qui trovi quella da altri libri

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:16