La farfalla e la vespa

Papilio vespam prope volantem viderat: "O sortem iniquam! Dum vivebant corpora, quorum ex reliquiis animam nos accepimus, ego eloquens in pace, fortis proeliis, arte omni princeps inter aequalis fui; en cuncta levitas putris et volito cinis.

Tu, qui fuisti mulus clitellarius, quemcumque visum est laedis infixo aculeo." At vespa dignam memoria vocem edidit: "Non qui fuerimus, sed qui nunc simus, vide."

La farfalla aveva visto la vespa che volava vicino: "O sorte iniqua.

Mentre vivevano i corpi, dai cui resti noi ricevemmo lo spirito, io eloquente in pace, forte nei combattimenti, fui tra i contemporanei il primo in ogni arte; ecco io volo tutta leggerezza molle e cenere.

Tu, che fosti un mulo portatore, chiunque ti è parso colpisci conficcato il pungiglione." Ma la vespa pronunciò una frase degna di memoria: "Guarda non chi siamo stati, ma chi ora siamo."

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:01:58