La mosca e l'uomo calvo

Calvi mordebat musca nudatum caput; vir muscam opprimere temtabat, sed plagam imponebat sibi....Hoc est fabellae praeceptum: aut consilio aut fortuna peccant viri: alteris poenam, alteris veniam dare debemus (da Fedro)

Una mosca pungeva il capo senza capelli di un calvo; l'uomo tentava di schiacciare la mosca, ma s'imponeva una piaga.

La mosca dunque derideva l'uomo e diceva: "mi uccidi per una piccola puntura! ma ora t'infliggi una pesante e nuova pena: ti facesti infatti una grande offesa".

Ma l'uomo rispondeva: "mi concedo facilmente il perdono; non desiderai infatti ledermi. Tu invece, mosca ti applichi a preparare fastidi agli uomini; per tale motivazione desidero anche con mio danno ucciderti o per meglio dire schiacciarti".

questa è la morale della favoletta: gli uomini sbagliano o di proposito o per la sorte avversa: dobbiamo concedere il castigo ad alcuni, il perdono ad altri. (by Maria D.)

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:24