La mosca e la formica - LEXIS - Vesione latino Fedro

versione da lexis pag. 91 num. 2

inizio: " Olim formica et musca acriter contendebant; musca enim magna cum superbia sic dicebat".

.fine: " Describit fabella et viros qui falsis verbis se ornant, et illos quorum vita humilis sed operosa et honesta est. "

Una volta una formica e una mosca bisticciavano aspramente.

Infatti la mosca con grande superbia diceva così: "Perché ti paragoni a me? Io vivo sempre tra colonne di marmo ed altari dorati, e visito i templi senza sosta; inoltre arrivo prontamente in luoghi dove ci sono sempre sacrifici e assaggio per primo le interiora. Io siedo spesso sul trono stesso del re e accarezzo con grande gaudio le candide membra delle signore".

Ma la formica rispose alla mosca con queste parole: "O mosca, tu fosti e sarai sempre inopportuna e molesta agli uomini e alle donne Visiti abitualmente gli altari, ma quando sei arrivata nei templi degli dei, gli uomini ti cacciano sempre lontano dagli altari, e mangi sempre cibi cattivi.

Io invece, diligente, accumulo il frumento d'estate; poi quando viene l'inverno, mangio lietamente il mio cibo. Tu al contrario d'estate mi provochi sempre, in autunno taci e d'inverno il freddo ti uccide. ” La storiella descrive sia gli uomini che con false parole vantano se stessi, sia quelli la cui vita è umile ma operosa e onesta.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:24